Il primo numero del giornale del SISMA

E' online il primo numero di Vexillum, il giornale della Società Italiana per gli Studi Militari Antichi.

Sperimentazione

Castelgandolfo 2006

Il 23 luglio ha avuto luogo, alla presenza del Presidente prof. Giovanni Brizzi, la seconda sessione di sperimentazione del SISMA con la collaborazione di 4 gruppi di ricostruzione storica specializzati nella sperimentazione di tattiche e manovre militari.

Il materiale pubblicato, se firmato, è di proprietà dei rispettivi autori, e pubblicato su concessione dei medesimi. Il materiale non firmato è di proprietà dei titolari del sito, e la sua riproduzione, anche parziale, è subordinata a permesso scritto da parte degli stessi. Qualora materiale presente sul sito infrangesse involontariamente diritti d'autore altrui, esso sarà rimosso sollecitamente dietro comunicazione del detentore dei suddetti diritti.

Il progetto Decima Legio è un'iniziativa che nasce nell'ambito delle attività della Società Italiana per gli Studi Militari Antichi.

La ricostruzione del periodo repubblicano, ed in particolare di quello compreso tra le guerre puniche e l'epopea di Giulio Cesare, è invece un periodo di assoluto interesse non solo per la valorizzazione del contesto ambientale e culturale italiano, in cui ancora oggi luoghi, città e vestigia storiche testimoniano con ricchezza un periodo fondamentale per la storia di Roma e dell'Italia, ma anche per una più corretta e profonda comprensione e conoscenza della autentica civiltà romana.

VEXILLUM

Giornale della Società Italiana per gli Studi Militari Antichi

Vexillum torna con il suo quarto numero. Il nostro ringraziamento va a tutti coloro che hanno contribuito con passione e serietà.

Al fine di preservare questo indirizzo da problematiche di spam si prega:

- di non inviare al presente indirizzo materiale non inerente alle attività svolte dall'associazione;

- di non memorizzare nella propria rubrica di email l'indirizzo per evitare possa essere facilmente trovato dai programmi malware.

La redazione di Vexillum

Fatti riguardo la storia militare dell'Italia

La storia italiana è ricca di eventi e vicissitudini legati alla pratica della guerra e all' importanza di alcuni fattori chiave per la buona riuscita di una missione come per esempio la presenza di grandi eserciti ed armi avanzate, impiegate soprattutto per la conquista o riconquista di determinati territori, città e villaggi. In particolare, molteplici sono i luoghi di interesse storico che hanno caratterizzato l'arte militare del nostro bel Paese e che ancora oggi si ergono a testimonianza di un passato ormai lontano e distante delle forme di combattimento più moderne.

Se siete appassionati di storia, arte e cultura, vorrete sicuramente conoscere quali sono le più antiche tecniche militari usate per vincere sul campo di battaglia e quali sono quelle strategie di guerra che hanno riscosso un notevole successo nel corso dei secoli. In effetti potreste sfruttare una bella giornata di sole per visitare castelli e fortezze, carceri e sale da torneo, in compagnia di amici, parenti o escort dal http://www.escortforumit.xxx. In tali occasioni, riuscirete anche a contare sulla presenza di una guida qualificata e un percorso illustrato ed interessante, che vi spiegherà nei dettagli la storia che si cela dietro a questi luoghi così pieni di vita, nonostante l'avanzare del tempo.

Musei a tema militare, mostre e collezioni private, gallerie dedicate ad antiche armature, padiglioni espositivi più interessati alle divise e strumenti da combattimento... le occasioni per scoprire il nostro passato e i conflitti che hanno portato all'attuale composizione del nostro territorio sono tantissime! Si può ad esempio partire dal Museo storico militare di Palmanova, dove si possono osservare cinte murarie, baluardi difensivi, macchine da guerra, strumentazione da guerriglia e immergersi nel periodo storico dettato dal predominio della Repubblica di Venezia.

Oppure, si può provare a fare un salto ad alcuni dei più famosi musei storici dedicati alle varie suddivisioni e ranghi dell'esercito: le rappresentazioni delle uniformi di alpini, bersaglieri, fanteria, granatieri, cavalleria e carristi trovano spazio all'interno di siti museali di grande importanza, dislocati per tutta Italia. Oltre a ciò, c'è la possibilità di ammirare oggetti d'epoca, armi che facevano da corredo alle divise, testi dei tipici canti da guerra, medaglie al valore e strumenti che si rivelavano utili durante le varie campagne militari come bussole, coltellini svizzeri e cappelli caratteristici.

Altro illustre museo militare è quello di Brigata Catanzaro, in Reggio Calabria; tale sito racchiude al suo interno mappe geografiche, antichi cimeli, armi e importanti documenti appartenenti al periodo Napoleonico, fino ad arrivare addirittura alla seconda guerra mondiale. Famosissimo è anche il Museo Storico Italiano della Grande Guerra che tenta di ricostruire le ambientazioni e gli scenari propri di coloro che combattevano lungo il fronte e che sacrificarono la loro vita in mezzo alle trincee.

Il governo italiano si impegna per conservare al meglio i siti storici di maggiore interesse e far suscitare nelle persone la capacità di meravigliarsi e continuare a stupirsi di fronte a ciò che successo in epoche precedenti. Avvicinarsi al passato significa in realtà compiere un passo in avanti verso il presente, perché è solo in questo modo che si può cercare di capire veramente la realtà, ed imparare a giudicarla in modo obiettivo, osservando l'evoluzione di una popolazione e di una società.